Il ginkgo biloba aiuta a mantenere la memoria e le capacità mentali
Dieta

Uno sguardo al Ginkgo Biloba

L’uso di prodotti naturali e di piante medicinali ha visto negli ultimi anni un notevole incremento in diverse parti del mondo. Tra le piante erboristiche più rinomate e acclamate c’è nientemeno che il ginkgo biloba per i suoi diffusi effetti curativi. 

Questa particolare erba fa parte della medicina tradizionale da molti secoli. È persino venerata come albero sacro e simbolo di vitalità, longevità, yin e yang. I cinesi avevano iniziato il loro uso medicinale di quest’albero con i semi. Tuttavia, non molto tempo dopo, hanno anche aggiunto le foglie e le radici della pianta come uno dei materiali medicinali di valore che usano.

Questo estratto di erbe, unico nel suo genere, è tra gli integratori più favorevoli per la longevità, il benessere mentale e la salute. Il famoso erborista Christopher Hobbs si riferisce al ginkgo come all’elisir della giovinezza. La maggior parte degli erboristi sostiene che il ginkgo è solo un’erba benefica per il benessere generale di una persona e se si vuole prendere un integratore, il ginkgo è la scelta migliore. 

Il ginkgo Biloba agli inizi 

Il ginkgo biloba, che puoi acquistare nel negozio online Vegamega.it, è anche conosciuto come il fossile vivente, soprattutto perché è l’unico membro vivente della famiglia dei Ginkgoales. I primi fossili di questo albero risalgono a 270 milioni di anni fa, il che colloca l’albero sulla terra nello stesso periodo dell’esistenza dei dinosauri. L’albero del ginkgo biloba era presente in tutta l’Asia, l’Europa e il Nord America 144 milioni di anni fa durante il Cretaceo. 

Il ginkgo biloba era prominente in tutta l'Asia, Europa e Nord America per 144 milioni di anni
Albero di Ginkgo biloba

I diversi eventi cataclismatici che si sono verificati nel mondo hanno portato alla riduzione del numero di ginkgo. Il suo declino potrebbe anche essere in parte dovuto all’estinzione dei rettili e dei dinosauri che hanno avuto un ruolo nella dispersione dei semi della pianta. Il ginkgo è scomparso dai reperti fossili del Nord America circa 7 milioni di anni fa e circa 2,5 milioni di anni fa dall’Europa. 

Il ritorno del ginkgo Biloba 

È stato durante questo periodo che gli scienziati hanno creduto che la pianta si fosse estinta, ma in seguito è stata ritrovata in Giappone. Il botanico e fisico tedesco Engelbert Kaempfer scoprì la pianta nel 1691. Fu anche in grado di sopravvivere in Cina nei giardini dei templi e nei monasteri.

Integratore alimentare Ginkgo biloba
Integratore alimentare di ginkgo biloba

I monaci buddisti avevano coltivato l’albero del ginkgo fin dal 1100. I suoi semi si diffusero poi in Corea e in Giappone. Fu all’inizio del XVIII secolo che i semi di ginkgo arrivarono in Europa e più tardi, nello stesso secolo, i semi furono portati in America. Molti dei primi alberi di ginkgo erano maschi. 

Gli alberi di ginkgo in Cina avevano la stessa struttura dei fossili di milioni di anni fa. Ci sono stati diversi piccoli cambiamenti nelle dimensioni dell’ovulo, un numero ridotto di ovuli e la diminuzione dei singoli steli dell’ovulo. 

Citazioni letterarie su Ginkgo 

Il ginkgo è stato menzionato per la prima volta nella letteratura cinese durante l’XI secolo ai tempi della dinastia Sung. Dopo di ciò, è apparso anche in tutta la poesia e l’arte cinese. I suoi semi o frutti e le sue foglie venivano solitamente lodati in opere letterarie. L’uso dei semi negli erbari fu menzionato per la prima volta tra il 1280 e il 1368 ai tempi della dinastia Yuan. Quando le dinastie Sung e Yuan finirono, il ginkgo divenne ampiamente coltivato in tutta la Cina.

Video: Ginkgo biloba

I semi di ginkgo sono stati utilizzati come fonte di cibo già ai tempi della dinastia Han durante il 206 a.C. fino al 220 d.C.. Questi semi sono stati spesso paragonati alle noci e sono stati persino menzionati come alternativa ai semi di loto. Durante il 1578, si scopre che i semi di ginkgo venivano addirittura mangiati durante i matrimoni e i gusci venivano tinti di rosso. 

Il ginkgo ha una storia molto lunga e interessante nell’ uso medicinale. Le noci o i semi e le foglie sono stati entrambi inseriti in diverse medicine tradizionali. Le foglie sono state originariamente menzionate per il loro uso medicinale durante la dinastia Han, dall’anno 206 a.C. al 220 d.C.. Fu nel 1436, quando fu confermata per la prima volta la letteratura che parlò di come le foglie possono essere usate per il trattamento delle lentiggini e delle emicranie. Era il 1950 quando la medicina occidentale iniziò a studiare i diversi usi del Gingko. 

Il ginkgo è stato menzionato anche nei libri di testo giapponesi nel 1492 come una forma di dessert alle cerimonie del tè. Quando arrivò il XVIII secolo, fu servito come contorno per il sake. Ancora oggi, i giapponesi mangiano ancora noci grigliate ogni volta che bevono sake. 

Alcuni degli alberi di ginkgo biloba più popolari al mondo si trovano a Hiroshima. Cresceva vicino a un tempio che si trovava a 1,1 chilometri dal centro dell’esplosione dove le forze americane sganciarono la bomba atomica durante la seconda guerra mondiale. 

L’albero è rimasto in piedi anche dopo che la bomba è stata sganciata, mentre il tempio e tutte le cose intorno ad esso sono state distrutte. L’albero ha ricominciato a germogliare dopo l’esplosione senza alcuna deformazione visibile. In seguito il tempio è stato nuovamente costruito intorno all’albero di ginkgo. 

Un singolo albero di ginkgo può avere una vita di 3.000 anni, che è un’altra ragione per cui questa pianta viene spesso definita un fossile vivente. L’albero offre un collegamento diretto con la preistoria della razza umana attraverso la struttura immutabile. 

Il Ginkgo nei tempi moderni 

Fu durante gli anni ’60 che i ricercatori tedeschi estrassero i principi attivi del ginkgo conosciuti come estratto di ginkgo biloba o semplicemente GbE. Si riferivano a questo estratto come GbE 761 che negli Stati Uniti è chiamato ginkgo biloba 24/6. Significa che l’estratto standard contiene il 6% di lattoni terpenici e il 24% di glicosidi flavoni di ginkgo. Anche le quantità del resto dei costituenti, in particolare il bilobalide, sono state definite. 

Si è anche iniziato a studiare gli effetti del GbE in diversi studi clinici. Negli ultimi cinque decenni, tonnellate di informazioni prodotte da tali studi hanno rivelato come il GbE aiuti in diversi problemi che affliggono l’umanità e che non provoca effetti collaterali negativi. 

Il ginkgo biloba è infatti una pianta unica nel suo genere che non smette mai di stupire le persone.